A.N.I.M. – Associazione Nazionale Ingegneri Minerari

ANIM

A.N.I.M.  è un’associazione culturale che opera nei settori di seguito indicati:

  • – Attività estrattive (cave e miniere attive e dismesse)
  • – Idrocarburi, fluidi geotermici e risorse idriche
  • – Scavi in grandi lavori di ingegneria

A.N.I.M. si occupa di promuovere le attività culturali e scientifiche, l’attività di studio e la ricerca con l’obiettivo di facilitare l’interscambio di informazioni tra tutti i soggetti coinvolti.

A.N.I.M. si propone di trattare, non solo gli aspetti economici e tecnico produttivi del settore minerario ed estrattivo, ma anche quelli inerenti la sicurezza e la tutela dell’ambiente incoraggiando un’ottimale e più razionale attività di sfruttamento delle risorse, opportunamente inserita nel contesto territoriale.

A.N.I.M. pone inoltre tra i propri intenti quello di diffondere la cultura mineraria favorendo lo sviluppo di parchi minerari ed attività museali connesse, anche mediante la valorizzazione di siti minerari dismessi, al fine di fare rivivere il fervore delle attività minerarie, diffusissime in Italia negli anni passati.

A.N.I.M. opera da oltre 50 anni e vanta ampio consenso nei settori sopra richiamati. L’accreditata attività dell’associazione è suffragata da una serie di attività quali: tavole rotonde, giornate di studio, convegni, corsi e visite guidate.

L’associazione è stata fondata nel 1965 dall’ing. Pietro Ballestrazzi, scomparso il 9 dicembre 2005, che ne ha promosso l’attività, attraverso un lungo e costante impegno personale, facendole acquisire il ruolo, la considerazione ed il prestigio che le viene oggi accreditato da tutti i soggetti coinvolti.

Si riporta, di seguito per completezza, l’art. 3 dello statuto:

L’Associazione non ha scopo di lucro, è apolitica, è estranea a qualsiasi attività e impresa commerciale o industriale e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, quali:

1)    la promozione, la valorizzazione e la sensibilizzazione allo studio e alle problematiche legate alla risoluzione dei problemi scientifici, tecnici, economici e legislativi riguardanti l’industria estrattiva e le materie secondarie, la difesa e la valorizzazione del territorio, la tutela dell’ambiente e le grandi opere in sotterraneo;

2)    stabilire e mantenere contatti in campo nazionale e internazionale tra tecnici e le Associazioni interessate ai settori sopraindicati;

3)    mantenere i collegamenti con le scuole universitarie e gli istituti di ricerca per il perfezionamento della cultura dei soci e per favorire l’orientamento degli studi accademici in accordo con le esigenze del Paese;

4)    divulgare, anche a mezzo stampa, la conoscenza dei problemi dei settori di cui al punto 1) esprimendo la libera opinione dell’Associazione;

5)    tutelare il prestigio, le competenze e l’attività degli Ingegneri Minerari, difenderne gli interessi morali ed economici nei rapporti con enti pubblici e privati che ne utilizzano l’opera, promuovendo la necessaria attività e tutela dei loro diritti.

L’Associazione non potrà svolgere attività diverse da quelle sopraindicate a eccezione di quelle a esse strettamente connesse o di quelle accessorie a quelle statutarie, in quanto integrative delle stesse (organizzazione Convegni, Seminari di istruzione e Consulenza ad Enti Pubblici).



Commenti chiusi.